Archivi del mese: febbraio 2013

Come leggere e interpretare la poesia. Due opinioni a confronto.

discussione
Riprendo da qui un commento di Giorgio Linguaglossa e rispondo alle sue tesi. [E.A.]
 
* Linguaglossa ad Abate


Caro Ennio Abate,
quando dico che dobbiamo leggere e interpretare la poesia tenendoci a distanza
da categorie dell’economia come rapporti di produzione e forze produttive e
economicistiche come salario e capitale, non intendevo certo fare ritorno a
Croce al concetto di poesia=lirica pura; dico soltanto che dobbiamo leggere la
poesia come un particolare genere, come dire, una particolare forma di
linguaggio, ed è soltanto applicando le categorie del linguaggio che noi
possiamo entrare dentro la serratura della poesia e dentro la cassaforte del
Moderno. Non occorre la dinamite per far saltare il Moderno ma basta una poesia
per cambiare le carte in tavola di ciò che si intende (comunemente e
convenzionalmente) per poesia. I «conflitti» in poesia devono potersi rintracciare
all’interno del suo dispositivo estetico e poetico, questo voglio dire, e non
all’esterno. I conflitti esistono nella forma poetica come «traccia», orma
mnestica; e, a volta sono invisibili ad intere epoche. Voglio dire che tanto
più alta è la formalizzazione dei testi quanto più in profondità scendono i
«conflitti». Insomma, il discorso è complesso e poliedrico e andrebbe
inquadrato da differenti punti di vista ermeneutici.

Continua a leggere

15 commenti

Archiviato in Uncategorized

Cesare Viviani, Poesie. Con una nota di Giorgio Linguaglossa.

da “Infinita fine” Einaudi, Milano, 2012

Ha avuto il coraggio di sporgersi dal trono
il monarca,
di sporgersi da un lato
tanto da assumere
una posizione ridicola, non so
se lo faceva per scoprire qualcosa
sulla fascia esterna del trono
o perché si era stancato del cerimoniale.
Poi nella festa parlarono tutti, nessuno taceva,
parlavano, parlavano,
parlavano anche
del percorso di torrenti e fiumi,
dai monti al mare.
Intanto bevevano, bevevano,
alcuni fino a stordirsi.

Continua a leggere

11 commenti

Archiviato in Uncategorized

Rita Simonitto,Otto poesie.

Il falso muove e vince in poche mosse

Cresciuti tra zanzare e DDT e i tossici amianti
(eppure seducenti al nostro invincibile Walhalla,
la lotta al drago-fuoco sconfitta da una foglia),
e i manifesti di bimbi martoriati dalle caramelle/mine
venute giù dal cielo, la atroce manna dei liberatori…

Credi che solo là si siano aperte le ferite?

O non invece nei crepacci, abissi dove la verità si sperde,
eppure pieni di appigli e sponde cui aggrapparsi,
anche se poi con rovina resi bianchi gli occhi
dal buio persistente che confonde il nemico
con l’amico ecco l’ignavia che sempre si ripete?

(04.08.2011)

Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in Uncategorized

SEGNALAZIONE: www.robertoroversi.it

roversi-morto
Quanti vogliono conoscere o approfondire la poesia di Roberto Roversi dispongono  da qualche giorno dei materiali che verranno pubblicati sul sito   a lui dedicato: 
dal quale ricopio la pagina d’intenti. [E.A.]
La famiglia di Roberto Roversi – nella persona di Antonio Bagnoli – invita il collettivo Bartleby e l’Università di Bologna a dialogare per trovare una soluzione condivisa e istituzionale che, al di fuori da qualunque uso strumentale del nome e della figura di Roberto Roversi, consenta il proseguimento del prezioso lavoro di catalogazione della parte del “fondo Roversi” in possesso del collettivo, e la sua conseguente massima fruibilità da parte del pubblico.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Ennio Abate, “Laboratorio Moltinpoesia di Milano” (2006-2012): sulle difficoltà e i dilemmi del cooperare tra poeti-massa.

PALAZZINA LIBERTY
1. In una recente intervista sulla storia del Gruppo ’63 (qui) alla domanda «Lei ritiene che un’esperienza simile, in cui si fa gruppo, sia oggi ripetibile?»,  Umberto Eco risponde: «Mi pare difficile. È cambiato il clima. Balestrini ha cercato di far nascere un Gruppo 93, ma ciascuno poi ha corso per conto proprio. È un po’ per lo stesso motivo per cui oggi i giovani non si riuniscono più in associazioni o partiti. Siamo in un’epoca di cani sciolti». E più avanti lapidariamente aggiunge: «L’ultima possibilità data a una generazione di fare gruppo fu il ’68, ma non era gruppo letterario bensì politico. Diciamo che molte di quelle energie che in un’altra epoca sarebbero confluite in un’attività letteraria allora confluirono nella politica.». Queste parole di Eco, per le circostanze in cui le ho letto (qui), mi hanno colpito. Non credo che un destino, una maledizione, la «condizione postmoderna», la crisi generale condannino i poeti all’individualismo, ma l’esperienza empirica (anche personale) sembra confermare l’esattezza della diagnosi; e il fallimento (o interruzione o trasformazione…) del progetto «Laboratorio Moltinpoesia di Milano» (Per un rendiconto, aggiornato al 2011, delle sue iniziative leggi sotto Appendice 2) impone quantomeno un ripensamento. Continua a leggere

29 commenti

Archiviato in Uncategorized

Laura Canciani, Due inediti.

 

 

da  “Fortezza e contentezza in viola”
 



L’acqua è venata di rosa


L’acqua è venata di rosa.
È chiamata Fontanarosa per il ferro puro,
quasi un pensiero puro
 – al centro di un piccolo campo
c’è un ippocampo –
come toccante.
«Quali occhi quali parole sontuose ametista
o abbracci tesi spalancati sull’abisso del non so niente?»
Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Uncategorized

Adam Zagajewski, Cinque poesie. Con una nota di Giorgio Linguaglossa.

zagajewski

Kierkegaard su Hegel

Kierkegaard diceva di Hegel: ricorda qualcuno
che erige un enorme castello, ma vive
in una semplice capanna, lì nei pressi.
Così l’intelligenza abita in una modesta
stanza del cranio, e quegli stati meravigliosi
che ci furono promessi sono ricoperti
di ragnatele, per ora dobbiamo accontentarci
di un’angusta cella, del canto del carcerato,
del buonumore del doganiere, del pugno del poliziotto.
Abitiamo nella nostalgia: Nei sogni si aprono
serrature e chiavistelli. Chi non ha trovato rifugio
in ciò che è vasto, cerca il piccolo. Dio è il seme
di papavero più piccolo al mondo.
Scoppia di grandezza. Continua a leggere

10 commenti

Archiviato in Uncategorized