Archivi del mese: novembre 2013

Ennio Abate/Sandro Briosi
Su letteratura e psicoanalisi

Briosi SandroIn riferimento alla discussioneche si sta sviluppando tra vari commentatori  sul tema sogno-scrittura-psicoanalisi-letteratura sotto i post UNIO. PSICOSCRITTIO (qui) ritengo utile ripubblicare uno scambio di lettere tra me e Sandro Briosi (Per notizie su di lui cfr. qui)

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in CANTIERI

Ennio Abate
Su una poesia di Fabio Pusterla

Pusterla
Il 27 novembre 2013 su LE PAROLE E LE COSE è apparso, Lettura a Klosterplatz, un inedito di Fabio Pusterla (qui). A un mio stringato commento critico hanno replicato alcuni  frequentatori del blog. Questa per ora la mia risposta. Vedremo il seguito…[E.A.]

Bene. Allora, dopo il commento ellittico, passo a quello esplicito. Davanti a una poesia, anche bella (coi criteri letterari d’oggi, certamente), non mi adatto al giochetto alla FB del mi piace e stop. Per me questa poesia di Pusterla non dice quello che oggi la poesia dovrebbe dire. Per esprimere il mio dissenso però, mai userei le categorie di «solipsismo tardo romantico borghese» o di «colpevole apoliticità». Questi sono termini vuoti. Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in CANTIERI

Ennio Abate
Unio. Psicoscrittoio (9 – 13 )

1980 ca. PASSANTE anni 80

9.

Nel paesaggio urbano di SA sfatto dalle bombe – luoghi della precarietà e dell’allarme – un muro coperto di glicini violetti che abbaglia. Unio avanza su un muretto che spunta in mezzo alle macerie del dopoguerra. È Unio bambino o adulto? Ha le timidezze di allora o di adesso? O entrambe? Certo, cammina lento e impacciato, come attirato dal vuoto in basso. E s’accorge di avere addosso solo una maglia di lana grezza e d’essere nudo dal ventre ai piedi. Come i bambini poveri dei vicoli o di campagna che si vedevano in giro in quei tempi di sconfitta e miseria. Un po’ più indietro rispetto a lui, sullo stesso muretto, procedono vispe una donna e delle bambine. Ma ora che fa? Si blocca. Continua a leggere

26 commenti

Archiviato in RICERCHE

Emilia Banfi
Sull’orlo

1978 Pantaloni 1978

Tabea Nineo 1978

L’orlo dei pantaloni era da rifare
strofinavano la strada come scope
raccoglievano la polvere dimenticata
dalle auto in corsa tracce di escrementi. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in RICERCHE

Giuseppina Di Leo
Poesie

violenza su bambina*
Scendi con me nell’orrore
nel racconto di memorie
scartate negli involucri del pane
quotidiano tormento.

Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in RICERCHE

SEGNALAZIONE

iacovella

LATITUDINI DELLE BRACCIA di Nino Iacovella alla EX FORNACE – Alzaia Naviglio Pavese 16, Milano

GIOVEDI 28 NOVEMBRE 2013 Ore 19

Lascia un commento

Archiviato in RICERCHE

Ennio Abate
Unio. Psicoscrittoio (6 – 8 )

1980 ca. PASSANTE anni 80

I capitoletti da 1 a 5 si leggono qui

6.

Unio sta di fronte a un vecchio rugoso. Sembra Freud, quello dipinto da Ben Shan. È seduto su un divano. Attorno gente, in apparenza sprovveduta, che sembra lì per ascoltarlo. Chi ha fatto venire questo simil-Freud nel camerone di Unio? E perché Unio sembra tanto desideroso di presentargli i suoi pensieri? Toh, tra i presenti ci sono sua figlia e anche la sua ex moglie. E la figlia sta già anticipando al simil-Freud la dolorosa vicenda della famiglia che s’è improvvisamente scassata. Ma che ne sa lei così giovane? Unio le impone di tacere. Sembra ancora così invaghito della ex moglie che vorrebbe fosse lei a raccontare per prima i fatti. Interverrà lui subito dopo per correggerla o smascherarla o accusarla di essere lei l’unica colpevole dello sfascio? Come se il simil-Freud fosse un giudice?

Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in RICERCHE