Archivi tag: Carla Saracino

Carla Saracino
Su “Mnemosyne” di Michele Montorfano

mnemosyneMichele Montorfano, Mnemosyne (LietoColle 2013).

Mnemosyne, di Michele Montorfano, è un libro fatto di più piani che non si presentano una sola volta e non sono mai gli stessi. Questi piani sono sorretti da un lastricato di scene e le scene sono costruite con un intento formale preciso che procede scalfendo il registro delle lettere, come se all’autore fosse stato assegnato il compito di censire di ogni verso una rappresentazione composta. Sembra che niente sia stato lasciato al caso: la perentorietà di certe descrizioni, la sequenza studiata e tesa a una quasi narrazione, la presentazione di un quadro solo in apparenza desolante dove si muovono i calchi di un vissuto intenso, marcato. Tuttavia non c’è ansia di progettazione, in questo libro. Non c’è in assoluto alcuna anticipazione sul poetico, ovvero una premeditazione sulla scrittura stessa. C’è il naturale vuoto di chi ha sentito la sua opera incarnarsi nella necessità di essere. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in RICERCHE

Assunta Finiguerra
Una poesia e una nota di Carla Saracino

Finiguerra

Cume è brutte a vite si nun a cambe
te sscéppe pure re scarpe da i piede
te face sende nu diàvele ca crede
angóre a trenetà pe ddalle ngape

Aggia tuzzuluate a ccendenare de porte
facenne a pezzénde a ciéle apiérte
e cume u luandernine d’a notte
mane mane ca facije juorne me stutuaje Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in RICERCHE

Carla Saracino
Poesie

Lichtenstein, Crying Girl

Lichtenstein, Crying Girl

Per molto tempo restano in camera
seduti tra le nicchie
o le ispessite gole di calce, sopra i vetri
il soffitto.
Indubbiamente amano osservare e c’è una felice
lentezza nei loro movimenti. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in RICERCHE