Archivi categoria: CANTIERI

VIDEO PER POETI (2)
Una conferenza di Lea Melandri a Bologna su amore e violenza

E’ una conferenza. Se volete una lezione. Dunque abbastanza lunga. Il tema trattato è però basilare nei rapporti di ciascuno di noi e Melandri è capace di sfatare e demitizzare coraggiosamente anche gli stereotipi secolari dei poeti. Perciò mi pare utile proporla e discuterne. [E.A.] 
Annunci

11 commenti

Archiviato in CANTIERI

Rita Simonitto
In controtendenza

Leonardo-Studio-di-volto-maschile-Battaglia-di-Anghiari-200Fa bene Rita Simonitto nella lettera che segue a rendere pubblica la sua insoddisfazione davanti al «poetare odierno».  L’ho io pure manifestata riferendo sul «Quadernario» della Lietocolle. Ed è la stessa che mi rode quando esploro i blog che pubblicano poesia on line. Meno in sintonia  mi sento quando Rita sembra proporre, sulla scia del post di Mannacio dedicato all’aforisma 518 (qui), di mettersi in attesa di una delle «molte specie di aurore». Un’aurora servirebbe, sì, ma non generica o dei “soliti” filosofi. Perciò attendere non si può. Mentre il «rotolo rovente e prossimo a carbonizzarsi» della poesia (o della nostra poesia e delle nostre vite) si consuma (dando per buono che sia «un buon segno»!), bisogna affrettarsi a decifrare in esso qualcosa d’importante da tenere a mente e trasmettere a chi viene dopo di noi. E se la storia ci sta mostrando l’ampiezza prima insospettata della «terra desolata» in cui ci troviamo, i poeti dovrebbero assumersi la responsabilità di dire meglio l’essenziale che c’è da dire oggi. O anche di tacere, se è il caso. Sempre meglio che assopirsi nelle ninne nanne, nelle elegie, nelle lamentazioni. Oppure eccitarsi con le piccole diatribe o gli applausi di circostanza di improvvisate e distratte corporazioni amicali. [E.A] Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in CANTIERI

Ennio Abate
Sulla grandezza di Dante
(e di Mandel’štam). Coda di discussione n. 2: @ Banfi, Bugliani e Simonitto

Wells 1

Ritorno brevemente su alcuni punti e mi riassumo:

1. Grandezza di Dante

Ripeto che le mie critiche non sono rivolte a Dante e alla sua reale grandezza umana e poetica  ma  alla ideologia signorile della grandezza (che – riconosco ­- pur prende spunto e valorizza aspetti signorili ben presenti nell’opera di Dante ai danni di altri che per me contano di più). Non ho preso mai in considerazione gli aspetti “privati”(documentati o supposti) della vita di Dante come se potessero diventare prove valide a discapito della sua grandezza reale. Continua a leggere

30 commenti

Archiviato in CANTIERI

VIDEO PER POETI (1)
Mario Galzigna su “Storia della follia” di M. Foucault

Mario Galzigna,epistemologo dell’Universita’ di Venezia e curatore della nuova edizione dell’opera, conduce il Seminario dedicato al volume “La Storia della follia nell’Eta’ Classica” di Michel Foucault, a Genova il 4 aprile 2013 presso Il Dipartimento di Neuroscienze dell’Universita’. Seconda parte del suo intervento

8 commenti

Archiviato in CANTIERI

LETTURE PER POETI (12)
Franco Fortini, Contro la unicità della Shoah

anna frankHo esitato a pubblicare un post sulla Giornata della memoria. Ormai, almeno una volta all’anno  e per legge, tutti sembrano concordi a ricordare quel genocidio passato pur di non ragionare su altri che lo precedettero o lo seguirono e, forse, si preparano. Poi, leggendo un post di Sara Montagnani su “Vittorio Sereni e la memoria di Anna Frank” (qui), dove si accenna anche alle polemiche che hanno coinvolto la Anne Frank Stichting (Fondazione Anna Frank), mi sono ricordato di uno complesso scritto, in cui Fortini rievocava la censura che la sua opinione difforme dalla tesi della “unicità della Shoah” aveva  subito dalla dirigenza del  Corriere della sera (intorno al 1988), e lo ripropongo in queste Letture per poeti a quanti vogliono pensare e non  limitarsi alla commozione ritualizzata. [E.A.] Continua a leggere

13 commenti

Archiviato in CANTIERI

Ennio Abate
Sulla grandezza di Dante (e di Mandel’štam)

dante arcigno

Rispondo alle osservazioni/obiezioni di Roberto Buffagni, Roberto Bugliani e Rita Simonitto al post “Su Dante monumento e Dante poveraccio” (qui), mantenendo il dialogo con ciascuno di loro tre anche a costo di qualche ripetizione. [E.A.] Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in CANTIERI

Ennio Abate
Su Dante “monumento” e Dante “poveraccio”. Risposta a Roberto Buffagni

dante

1. Come faccio spesso, prendo spunto da un commento, stavolta pungente – quello di Roberto Buffagni (qui), che contesta l’interpretazione  primo-novecentesca – “futuristeggiante” e da “poeta-scienziato” – che ho  visto nel “Discorso su Dante” di Mandel’štam.  Buffagni riafferma proprio la visione “tradizionale”: quella del “Dante-monumento”, del “poeta grandissimo” e “grandissimo uomo e cittadino”. Cosa rispondere? Continua a leggere

13 commenti

Archiviato in CANTIERI, RICERCHE