SEGNALAZIONE

dickinsonGentili Signori, vorrei segnalarvi lo spettacolo che sta per debuttare alla sala Fassbinder del Teatro Elfo Puccini di Milano

“LA MIA VITA ERA UN FUCILE CARICO” (being Emily Dickinson).

Il mio nome è Elena Russo Arman e sono un’attrice del Teatro dell’Elfo. Lo spettacolo che vedrà la luce il 22 ottobre fino al 3 novembre è un progetto dedicato alla vita e alle opere di Emily Dickinson, con l’intento di proporre una visione teatrale del suo immaginario poetico ed esistenziale. Sarò coinvolta anche in veste di autrice e regista, insieme alla musicista Alessandra Novaga, che suonerà dal vivo la chitarra elettrica, creando un tessuto sonoro che permetterà di passare dalla melodia ai suoni della natura, nella quale Emily era immersa.

Nel foyer della sala Fassbinder sarà allestita la mostra BEING EMILY DICKINSON, un percorso tra immagini, video e suoni che nasce dal desiderio di condividere il materiale raccolto durante i due anni che hanno preceduto la realizzazione dello spettacolo, con l’intento di accompagnare lo spettatore attraverso le performances realizzate presso la Fondazione Mudima di Milano e ad Amherst, nella casa di Emily.

La mostra è visitabile a partire da un’ora e mezza prima dello spettacolo (lo spettacolo va in scena da martedì a sabato alle 21; domenica 16,30)

Per informazioni:

http://www.elfo.org/stagioni/20132014/lamiavitaeraunfucilecarico.html

Annunci

1 Commento

Archiviato in RICERCHE

Una risposta a “SEGNALAZIONE

  1. antonio sagredo

    cara elena russo ricordati del tramonto in una tazza della tua cara Emily.
    …dobbiamo vivere sempre,
    e mai cessare di essere…
    Emily D.

    Io non voglio morire,
    io voglio non essere.
    Marina C.

    Non fui più quella creatura che conquistò
    tutti quei doni per i quali sono stato odiato
    su ogni pietra miliare del cammino insensato,
    dove la Legge è una promessa di patibolo.
    Il mio orgoglio sono le moltitudini future,
    quel Dio che per loro non esisterà più
    e che invano mi reclama
    condannato dalle mie visioni per una presunta eternità.
    Non c’è posto per lui nel mio Verbo!
    L’assenza sono tutti quei luoghi in cui sono già passato,
    quelli che ancora conoscerò!
    Quando il mio canto sarà oltre ogni possibile musica
    che dispensi suoni e materia
    sarò sognato, là, dove non sono stato mai!

    La mia innocenza fu tanto grande da essere una colpa,
    troppo disumana per essere soltanto la mia dimora!

    antonio sagredo

    Vermicino, 24 settembre 2003

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...