Ennio Abate, Commenti recenti.

napolitano_silvioberlusconi
Lasciato sul sito http://www.leparoleelecose.it/

POPOLO DI MORTI

      * Vittorio Emanuele III, Benito, Pietro, Alcide, Palmiro,

        Antonio, Giulio, Giuseppe, Enrico,  Carlo Azeglio, Giorgio, Silvio, Pierluigi..*

Dissero gli italiani popolo di morti.
Tacquero i nomi di chi morti li volle.

P.s.
Rispetto alla democrazia, prendiamo atto che non c’è più: per i vecchi è il ricordo sempre più evanescente di lotte vere, per i giovani una parola svuotata di significati precisi (per assenza o impossibilità di lotte vere), per quelli che ci hanno guidato a questa agonia politica un cinico (e solo in apparenza laico) *instrumentum regni*. Possiamo per ora solo aggirarci tra i *sepolcri* della democrazia italiana e chissà quando…Siamo, come per Roversi (ed altri della generazione post-resistenza), alla nostra ennesima *dopo Campoformio*.

  1. Errata corrige

    * a Vittorio Emanuele II, Benito, Pietro, Alcide, Palmiro,
    Antonio, Giulio, Giuseppe, Enrico, Carlo Azeglio, Giorgio, Silvio, Pierluigi..*

    è una dedica ad alcuni miei amici…

    Il tuo commento è in attesa di moderazione

Annunci

21 commenti

Archiviato in DISCUSSIONI

21 risposte a “Ennio Abate, Commenti recenti.

  1. Giuseppina Di Leo

    Siamo nel segno della …continuità.

  2. emilia banfi

    Pure Napolitano inciuciato eBASTAAAA!!!!!

  3. enzo giarmoleo

    Golpe o non golpe arriveremo a Roma !!! enzo

  4. enzo giarmoleo

    Su you tube per risentire la “canzonetta” di venditti. Il titolo “Bomba o non ..” già usato da M5S. enzo

  5. Pietro Peli

    Come fa male,
    sentire nel silenzio
    del politico
    (navigato o no)
    una totale resa.
    Totalmente un tempo
    proni ad un’idea
    che oggi caduta
    ne resta lo scheletro,
    il carapace pesante.

    Se un giorno domandate
    dove iniziò il terreno
    a farsi sabbia
    tra le risate dei signori:
    a uno a uno
    per trenta anni
    ripetete i loro nomi.
    Non ci troverete più del nulla.
    PP

  6. emilia banfi

    Ed ora nel cielo
    volano i rapaci
    liberi nel vento

    Non faremo pace
    scoperta è
    la crudeltà delle colombe

    Freme , sotto, la terra
    più non attende l’urna
    più non basta una croce.

    E.B.

  7. Giuseppina Di Leo

    Come ‘canzonetta’ riproporrei “Io se fossi Dio” (1980) del grande Gaber. Da ascoltare…

  8. La farsa horror va avanti interminabile senza poter più nemmeno numerare gli atti…se ci fosse ancora Shakespeare, adirittura lui in testa non saprebbe come rieseguirli e metterli uno in fila all’altro…anche perché consapevole delle minime regole di scena, dovrebbe trasformarsi in un sadico più di qualsiasi dio. Come hanno fatto a noi, incollandoci ai seggiolini, dovrebbe tenerci ore e ore, anni di anni in decenni, dentro il teatro intrappolati. Insomma neanche Willy potrebbe più raccontarci.

  9. emilia banfi

    Cantava Mina: “non gioco più me ne vado non gioco più davvero
    la faccia di cemento tu parli e non ti sento….”

  10. @ Enzo G.
    Forse ho frainteso il tuo intervento, ma se invece fosse che le tue parole denuncino una speranza investita nel partito di cacaleggio, ti dico, ovviamente a mio avviso, come è andato il succo dell’ultimo atto andato in onda da la nascita e l’ascesa del rinnovato “segmento” pseudo-opposizione, comodo comodo al tutto cambi perché nulla cambi. Né più né meno, come da me sostenuto anche un anno fa (pure su questo blog), delle rivoluzione arabe, su cui tutto ha puntato l’impero dei vari finanziatori “occupy qualcosa”, con tanto di truffa ribelli e truffa cambiamento.
    …..
    A un certo punto, su questi schermi o palcoscenico “YtalYa”, occorreva rinnovare la precedente leva pseudodemocratica, volta a giustificare e dimostrare , con l’opposizione di Idv o della Lega, che il regime schizofrenico, ufficialmente detto bipolare, e osannato ed esportato in tutto il mondo, fosse e rimanesse il piu democratico e bello del mondo.Fuori dal teatro in cui intrappola gli inermi spettatori, esso regime affida le parti della farsa cannibale. Come la moda, anche il mercato pseudo-politico deve rinnovare il suo guarda-robbba, o meglio guarda/controlla umani…tutto merce. Dunque soprattutto chi deve fingere di proteggere i sempre piu poveri e piu incazzati, deve essere rinnovato,altrimenti il rischio dei veri stati canaglia democratici sarebbe quello di dimostrare militarmente l’eliminazione . Come eliminare alla radice il problema?
    affidando a determinate parti, il controllo delle variegate e liquide masse. Con cosa? Con dei pupazzi, convincenti, che come Bossi o Di Pietro ed ora Grillo, possano tenere a bada la pressione e le forze non ancora “normalizzate”. Molti ci cascano e il gioco è fatto. Grillo come un tempo Bossi o Di Pietro, in una botte di ferro a riprendere ola e voti a manbassa. Nessuno o pochissimi vedranno la trama dello spettacolo e anzi guai a dire al compagno di teatro, che tisiede a fianco o due file piu indietro o avanti, che ha dei lacci che lo stanno schiacciando nelle sue carni, messe a puntino dal suo stesso capocomico.

    Il paraculismo ytalyco e la sua mafia mentale da nord a sud e ritorno, non è tanto quella conclamata dei due poli capotragedia tradimento, che giurano e spergiurano, ma è proprio quella di Grillo , in ogni mossa post elezioni si è rivelata meglio nelle ombre della caverna…voleva che si arrivasse al mitico e famoso inciucio, per starsene tranquillo all’opposizione anche perché il suo progamma , del resto come i due poli, è un libro di favolette horror

  11. emilia banfi

    A Rò

    Rifare la sinistra? Quale sinistra? Rifare la destra? Quale destra? E la mafia cara Rò dove la mettiamo?
    Certo Grillo forse sarà solo una voce ma io la voglio ascoltare e ripeto ascoltare , capire, oggi più che mai.

    • Anonimo

      @Emilia
      ascoltala quanto e come vuoi , ma con gli strumenti VALIDI per decodificare la REALTA’…se invece piace ormai il reality, è un altro paio di maniche, anche per la mitica speranza (messa così direttamente nel cesso)

      o si capisce cosa sarebbe successo se non avessero dato dei manipolatori rivoluzionari, oppure l’autoinganno è perfettamente riuscito. è questo su cui la regia tutto ha puntato . Ho infatti scritto la cosa reale , e diabolica, per cui i regimi pseudo democratici, hanno bisogno come il petrolio o il dollaro ( e l’euro e tante altre cose vitali all’impero) dei falsi Malcom X…se non ci fossero questi falsi d’autore, dovrebbe sparare sulle masse inferocite. I vari grillo e ante grillo le contengono e controllano, aiutando “la democrazia” a evitare di dimostrare la sua ferocia militare.

  12. enzo giarmoleo

    @ Rò
    Spero sia solo una svista quella di “cacaleggio” poi posso assicurarti che non nutro speranze di sorta e che la mia posizione è quella di un qualsiasi osservatore degli eventi alla stregua di moltissimi altri. E poi non è vero che nulla cambia. Se non altro questo scuoncasso serve a delineare meglio e con maggiore forza la meschinità dei “politici” al potere. Poi non si può liquidare una esperienza come quella del M5S dicendo che trattasi di pupazzi manipolati da sistemi oscuri chè si offenderebbero tutti quegli italiani e sono molti che hanno voluto dar fiducia a questa proposizione che non è nata spontaneamente ma che è frutto di idee che si sono stratificate nel tempo a partire dagli anni ’80 e che si sono manifestate in varie fasi. Una di queste riguarda il movimento zapatista. Anche in quel caso alcuni affermavano che ci il movimento fosse manipolato da chissa quale potere nascosto. Anch’io sono convinto che esistono forze occulte che lavorano perché “tutto cambi perché nulla cambi” ma non è possibile generalizzare. E poi oggi solo gli sprovveduti possono pensare che non vi siano infiltrazioni in assoluto. Certe idee sulla necessità di cambiare questo mondo, di combattere la globalizzazione, il potere delle banche che usano i loro mezzi di distruzione di massa, la necessità di cambiare i consumi e le produzioni, nascono in seno alla gente, fra i campesino del mondo, fra i giovani di tutte le latitudini e non sono patrimonio dei poteri occulti. E se così non fosse potremmo finalmente dichiarare la nostra morte! enzo

    • Anonimo

      Enzo, era meglio t’avessi frainteso .
      1 cacaleggio non è una svista e proprio per COERENZA con i tuoi discorsi “zapatisti” . Che gli uomini gold-man, cresciuti o riconosciuti, dalla goldman stessa , si chiamino super mario o gianroberto, non fa differenza.
      2 nel mio discorso sono ben distinte le responsabilita dei manipolatori dai manipolati e manipolabili.
      3 se m’avessi citato , anziche minoranze spesso schiacciate militarmente ( usano anche i droni contro i civili non solo in afghanistan o pakistan, ma in sudafrica o dentro i confini stessi dell’impero centrale) , minoranze geopolitiche al potere come quelle venezuelane, anche anche si reggerebbe il tuo discorso. Ma siccome mi citi esempi antimperialisti ma monotematicamente fragili ( come lo è ad esempio chiunque si presenti con il solo tema ecologico), pyurtroppo non ti seguo. e non ti seguo perché non hai risposto alla mia obiezione principale.del resto chi si lega a una sola chiesa o bandiera o guru, non può e non vuole vedere , e ogni cosniderazione diversa la cestinerà liquidandola come uccisione di speranza.

  13. Cambierà qualcosa, purché nulla cambi per davvero. Se ne andrà questa classe politica di miserabili arricchiti, resteranno le case private, le fabbriche, i campi coltivati con intelligenza, la tecnologia utile, e questo buonsenso porterà salute, cultura e bellezza.

    • Anonimo

      vabbuò allora tenetevi le favolette e il conseguente horror ( compreso quello ambientale)..neanche Orwell o Dick potrebbero arrivare a dirvi come vi siete consegnati, con le vostre stesse mani, alla fine definitiva di “salute, cultura e bellezza”. Tatcher e non solo lei vi ringraziano alla grandissima, ridendosela da morti e da vivi.

      nessuno di voi per ora ha risposto alle mie considerazioni, soliti mantra, peraltro vuoti, sarebbe stato sicuramente meglio andare ad un tempio.

      ciao.

      • Dipende: la degenerazione del realismo porta a vedere il bicchiere mezzo vuoto. Il mio solo timore è che nessuno voglia il cambiamento, fu così anche per i sogni rivoluzionari del ’68… o della rivoluzione francese, ai tempi della ghigliottina.

  14. emilia banfi

    E poi diciamo che Rodotà non è stato votato per non sedersi sulle ginocchia di Grillo, mentre l’inciucio pure col Presidente l’ha voluto Grillo…mah c’è qualcosa da chiarire! Di chiaro c’è una sola cosa: la legge della MAFIA e su questo non ci piove.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...