Nino Pedretti, Poesie. Con un saggio di Giuseppina Di Leo.

pedretti 2

da Al Vòuṣi (1975)

Al chèṣi ad campagna

Sbriṣédi da la róspa

maṣèdi dri i garagg

al chèṣi ad campagna

agli à finéi.

I li smana pr’e’ mònd:

i ébi ti ẓardéin

al dvanaróli in mòstra

te salòt.

Dalvólti t’a li vèid

maṣèdi sòtta i cópp,

cmè pavaiòti;

ch’u li zirca i marchènt

par fè d’i albérgh.

Le case di campagna. Sbriciolate dalle ruspe │ nascoste dietro i garage│ le  case di campagna │ hanno i giorni contati. │ Le smembrano a pezzetti: │ le vasche di sasso │ nei giardini │ e gli arcolai in mostra │ nel salotto. │ A volte le scorgi │ nascoste sotto i tetti │ come farfalle │ che i mercanti le cercano │ per farne degli alberghi.

 

I  ẓugh

Pòsta che tótt

poeti e nò poeti

a sém te bèl d’l’inféran

u s piṣ a fè di ẓugh

ch’I daga aria.

Mè me mi bidèl

a i dégh ch’u m daga i metar:

déu, tréi, quatar e stènta.

E néun al savém

s’èl ch’e’ vu déi

e’ vó dí mèrda.

Acsè a la matéina

a éintar ti mi pan

cmè t’un scafandar

ch’a vagh ad che pòzz nir

ch’l’è la mi bènca.

I giuochi. Poiché tutti │ poeti e non poeti │ stiamo nel mezzo dell’inferno │ ci piace fare i giuochi │ che un po’ muovono l’aria. │ Al mio bidello │ io chiedo di darmi le misure: │ due, tre, quattro e settanta. │ E noi sappiamo │ che significa, │ significa merda. │ Così la mattina │ entro nei miei panni │ come dentro uno scafandro │ e scendo in quel pozzo di sterco │ che è la mia banca.

 

La pavunzéla

Mè u m piṣ e’ pasaròt

che quand ch’e’ nèiva

e’ ven tònda ma chèṣa

a saltaréll.

U m piṣ la zèlga

e’ tòurd, e’ culumbazz

e e’ meral stéid ad nir

se su bèch zal.

E u m piṣ e’ varẓléin

ch’l’è pu un burdlín

ad préima elementèra

ch’u s’vólta sempra indrí

par ciacarè.

E una massa u m piṣ e’ rusignul

ch’e’ chènta cumè un rè

tla su varẓéura,

e sinènca e’ stouran pastrouciòun

ch’e’ scaramaza,

mò piò ad tótt

u m piṣ la pavunzéla

ch’la caméina a pass lóngh

cumé una sgnòura.

La pavoncella. A me piace il passero │ che quando nevica │ si avvicina alla casa saltellando. │ E mi piacciono la cincia │ il tordo, il colombaccio │ e il merlo tutto in nero │ col suo becco giallo. │ Mi piace il vergellino │ che è un bambino di prima elementare │ sempre voltato indietro │ a chiacchierare. │ E molto mi piace il rosignolo │ che canta come un re │ chiuso tra il verde; │ e amo persino lo storno fracassone │ ma la mia diletta │ è la pavoncella │ che cammina con passo lungo │ come una signora.

 

L’òm dal putèni

Léu tla su véita

féina i zinquént’an

u n éva pansè mai

ad mètt so chèṣa.

E stéva te caséin

a lè, bón, a fè i sarvéizi.

«Al putèni – e gévva – sal

n’è te su lavòur

agli è invurnéidi,

mòsci ti su létt

se mèl ad pènza.

U t tòca fè pianín

s’t’vó fè l’amòur

quandè c’al dórma.

E pu, la sèira, mè

a i fazz e’ bagn.

Fa e’ còpp, fa e’ còpp

a i dégh dalvólti

in módi che l’acqua

la i córra zò bén

te mèẓ dla schéina».

L’uomo delle puttane. Lui in vita sua │ fino ai cinquanta │ non aveva pensato mai │ di mettere su casa. │ Stava lì, buono, │ nel casino a fare dei servizi. │ «Le puttane – diceva – se │ non sono impegnate sul lavoro │ sono stordite, │ mosce nel letto │ con il mal di pancia. │ Devi far piano│ se vuoi fare all’amore │ intanto che sono addormentate. │ Poi alla sera │ io faccio loro il bagno.  │ Fa il coppo, fa il coppo │ dico delle volte │ in modo che l’acqua │ le corra giù per bene │ nel mezzo della schiena».

 

Al vòuṣi

Dalvólti da par mè

te lètt, t’un curidéur

t’un treno par Milèn

a sént al vòuṣi.

E alòura a m fazz

piò grand

ch’al sòuna dréinta

ad mè

cumè al campèni.

Le voci. A volte, per conto mio, │ nel letto, in un corridoio, │ in un treno per Milano │ ascolto le voci. │ E allora divento │ più grande │ perché risuonano dentro │ di me │ come campane.

 

E’ lavadéur

Me lavadéur

al dòni

scavcèdi cmè di

diéval

al sbatéva i pan

cumè dal frósti.

Al scuréva ad travérs

al s’aragnèva

e pu al cantéva insén

e l’éra di rógg d’amòur

cumè dal gati.

Il lavatoio. Al lavatoio │ le donne │ coi capelli scarmigliati come │ diavoli │ picchiavano coi panni │ come fruste. │ Parlavano scurrile │ litigavano │ e poi si mettevano a cantare insieme │ ed erano grida d’amore │ come delle gatte.

 

La ciòza

La cantéva d’amòur

ma la finestra

la cantéva lòngh, a gòula vérta

e l’éra una vòia ad mas-ci

avnéuda chi lo sa,

da sòtta tèra

so par al gambi, t’i ócc

te fiòur dla pènza.

La cantéva d’amòur:

una zurnèda ch’éurta.

Adés l’è cmè una ciòza

la puléss i burdéll

e la sta zétta.

La chioccia. Cantava d’amore │ alla finestra │ cantava a lungo, a squarciagola │ ed era una voglia di maschio │ venuta chi lo sa │ da sotto terra │ su per le gambe, agli occhi │ al fiore della pancia. │ Cantava per amore │ ed era una giornata corta. │ Ora ha l’aria d’una chioccia │ pulisce i bambini │ e sta in silenzio.


Sesso

Sesso par néun e vléva déi

figa te pógn, scòul,

sburédi tla latréina.

Par néun e vléva déi

la paéura d’l’impregn,

al mói ch’al scapéva de lètt

«Gino, sta bón a m’aracmand»,

senza mai gód, cumè una midizéina.

E pu avemaréi, patérr,

e’ savòun, la praticòuna.

E pansè ch’l’éra acsè dòulz

sal tedeschi te fióm:

a m guardéva cmè déi

«Tóla, tóla, puréin»

e pu al ridéva.

Sesso. Sesso per noi significava │ fica nel pugno, male di scolo │ e vizio di latrina. │ Per noi significava │ terrore di metterle incinte │ la moglie che sfuggiva dal letto │ «Gino, sta buono mi raccomando», │ senza godere mai, come una medicina. │ E poi pianti, preghiere │ sapone, la praticona. │ E pensare che era così spensierato │ farlo giù al fiume con le tedesche: │ mi guardavano come per dire │«Prendila, ragazzo, prendila» │ e poi si mettevano a ridere.

 

E’ lavòur

«E’ treno e’ pórta véa»

e’ gévva la mi mà

e mè a so andè ẓiréun

par la Germania

in zirca d’un lavòur.

A sémi ch’u l sa l’òs-cia

d’incrécch ad chi vaghéun,

avémi un pansir féss

par tótt e’ viaẓ:

turnè ma chèṣa.

Da par néun, dalòngh,

tra ẓénti furistíri

a s’apuzémi a la mèi

sa cal do trè paróli

cumè chi póri strópi

sòura i su bastéun.

«Ferstehen, ferstehen, polizai»

e lòu i s’guardéva cmè déi:

«Mo quést, da dòu ch’i vén».

Il lavoro. «Il treno porta via lontano» │ diceva mia mamma │ e io in Germania sono andato │ in cerca di lavoro. │ Eravamo una folla │ compressi nei vagoni │ e solo un pensiero │ in tutto il viaggio: │ tornare a casa. │ Soli, lontano │ fra genti forestiere │ ci appoggiavamo alla meglio │ sopra quelle due o tre parole │ come poveri zoppi │ sopra il bastone. │ «Ferstehen, ferstehen, polizai» │  e loro ci guardavano come a dire: │ «Ma questi, da dove vengono?».

 

Se la lèngua la mòr

Se la lèngua la mòr

se la s’invléna,

se la pérd i parént

cum una vèdva,

se la piénz da par sé

spléida te còr di vécc

tal chèṣi zighi,

alòura e’ paèis l’è andè

u n’à piò stòria.

Se la lingua muore. Se la lingua muore │ se si contamina, │se perde i suoi legami │come una vedova, │se piange in disparte │sepolta nel cuore dei vecchi │nelle case buie, │allora il paese è finito, │non ha più storia.

 

da Te fugh de mi paèiṣ (1977)

 

Dedica

Dòni ch’avéi tla bòcca un góst

cumé ad faréina gréiṣa

dòni criscéudi te scéur

cumé un pèn ad fadéiga

dòni de vént e de méur

dòni dla biènca róṣa de sònn

dòni dla brèṣa

dòni ch’avéi cuṣei ti dè

sta mi parlèda antéiga

dòni l’è sòtta e’ vòst zil ch’l’è nèd

tòtt sta fiuréida strèna.

Dedica. Donne che avete in bocca un gusto │ di acida farina │ donne cresciute al buio │ come pane di fatica │ donne del vento e del muro │ donne della bianca rosa del sonno │ donne di brace │ donne che avete cucito i giorni │ della mia parlata antica │ donne è sotto il vostro cielo │ che è nata questa mia fiorita.

 

La nèiva

Stasèira

ò vòia d’arcurdè

l’udòur dla nèiva

e al préim fróffli

inzèrti te zil

cumé di gazótt furistìr

ch’ì vén ènca da néun.

La neve. Stasera │ mi punge un ricordo: │ l’odore della neve. │E i primi fiocchi │incerti nel cielo │come uccelli forestieri │giunti anche da noi.

 

Ulisse

Ulisse, un chèn

l’avéva caminé par tótt al strédi

e l’éra avnéu a muréi

t’l’invéran dla su véita.

E adès l’éra e’ mònd

ch’u i scapéva véa

ti su pan ad luce.

Ulisse. Ulisse, un cane │ ramingo per il mondo │ era venuto a morire │ nel colmo del suo inverno. │ Ed ora eran le strade │ che gli correvan via │ in abiti di luce.

 

Al poeṣéi

Ò scrétt zinquènta poeṣéi par un léibar

zinquènta galéini biènchi te curtéil

e a li guèrd cumè una cuntadéina

che sàbat la li pórta me marchè.

Le poesie. Ho scritto cinquanta poesie per un libro │ cinquanta galline bianche nel cortile │ e le guardo come una contadina │ che sabato le porterà al mercato.

 

La matéina prèst

A m’arcórd la matéina se cafè

l’udòur di tréni, la nèbia

d’in èlt datònda al chèṣi

e’ sònn ch’e’ pastruciéva s’l’aria

e i ruméur dal curiri

sal pènzi pini ad studént

e e’ sòul ch’lavnéva so pianín

alzènd al brazi e la caméisa

rossa de dè

te zil ch’l’aveva frèdd

ancòura par la nòta.

La mattina presto. Ricordo la mattina col caffè │ l’odore dei treni, la nebbia │ in alto attorno alle case │ e il sonno che si impastava con l’aria │ e il rumore delle corriere │ gremite di studenti │ e il sole si alzava piano │ alzando le braccia e la camicia │ rossa del giorno │ nel cielo ancora infreddolito │ per la notte.

 

Paróli

A vagh scarabuciand

pruvénd sla vòuṣa

paróli vèci d’un témp

ch’al gévva ad dòni te d’agócc

ch’al mè pasi pianín

sòtta la pèla

e al m’à fiuréi

te sangh, sòtta i cavéll.

Paróli ch’agli à durméi

par an sòtta la zèndra

e adès a tir fura

me fugh de mi paèiṣ.

Parole. Vado scarabocchiando │ provando con la voce │ parole vecchie d’un tempo │ che le donne pronunciavano lavorando a maglia │ che mi sono passate piano piano │ sotto la pelle │ e mi sono fiorite │ nel sangue, sotto i capelli. │ Parole che hanno dormito │ per anni sotto la cenere │ e ora tiro fuori │ al fuoco del mio paese.

*****

LE VOCI DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA NELLA POESIA DIALETTALE DI NINO PEDRETTI*

 Il 30 maggio 1981, all’età di 58 anni, veniva a mancare il poeta Nino Pedretti[1], «insegnante e glottologo, che nasce poeta in lingua e muore poeta in dialetto»[2], una delle voci più importanti della poesia dialettale romagnola.

Nino (Giovanni Maria) Pedretti (Santarcangelo di Romagna 1923 – Rimini 1981) faceva parte della generazione dei poeti «nati negli anni ‘20» (Asor Rosa), compagno di strada nonché fraterno amico di Tonino Guerra e Raffaello Baldini, «il singolare terzetto dei poeti di Santarcangelo di Romagna» (Isella)[3].

Il silenzio nel quale sembrava esser stata reclusa la memoria del poeta dopo la sua morte è stato rotto negli ultimi anni grazie alla scrupolosa ricerca che la studiosa Manuela Ricci ha condotto sia sulle carte private – conservate a Pesaro dalla famiglia[4] sia su quelle conservate nel fondo “Archivio Nino Pedretti” presso la Biblioteca Comunale di Santarcangelo di Romagna e nel fondo del padre Luigi Renato, conservato presso la Biblioteca Gambalunga, dove sono state rinvenute le poesie giovanili inedite pubblicate poi (non tutte) nel volume Le pepite d’oro, edito da Raffaelli[5]. Nel 2007, col titolo Al vòusi, e altre poesie in dialetto romagnolo, l’Einaudi pubblicava l’intera produzione dialettale edita di Nino Pedretti: l’opera prima Al vòusi, e le successive raccolte, Te fugh de mi paèis e La chesa de témp. L’edizione era arricchita dalla cura di Manuela Ricci, da una nota di Dante Isella e da uno scritto di Raffaello Baldini.

L’approccio di Nino Pedretti al dialetto è avvenuto non da subito: il contesto familiare (la madre insegnante e il padre non santarcangiolese di origine, scrittore e appassionato di storia locale) gli aveva permesso di potersi esprimere solo ed esclusivamente in italiano; il dialetto, documenta Raffaello Baldini, «lo imparò dagli amici giocando prima a palline e poi a pallone. Ma se per i molti altri della sua generazione il dialetto era, come si dice, la lingua materna, per Nino direi che era la lingua fraterna»[6].

Nell’immediato dopoguerra in Santarcangelo si assiste all’avvio di un’«avventura culturale» (Miro Gori) che andrà sotto il nome di E’ Circal de giudéizi («Il Circolo del giudizio»). Si trattò di un tentativo culturale, passato poi alla storia sotto questo nome per via dell’appellativo che bonariamente qualche compaesano rivolgeva a quel gruppo di giovani intellettuali – “Ve là, e’ circal de giudéizi” – che si riuniva sotto i portici del “Caffè Trieste” per discutere i più svariati temi culturali ed artistici (letteratura, cinema, arte, musica), insieme a quelli politici e sociali, e dove Pedretti avrà modo di esprimere il suo talento poetico e musicale[7].

Nel clima culturale di quegli anni, a partire dal 1946, il poeta santarcangiolese ottiene premi e riconoscimenti nazionali per poesie inedite in lingua, confluite in maggior parte nel volume Gli uomini sono strade[8].

Intorno alla metà degli anni Cinquanta Nino Pedretti parte per la Germania dove trova un impiego e perfeziona la lingua tedesca. In un carteggio con Rina Macrelli emerge, insieme al gusto per la novità verso una città da scoprire (Francoforte), anche una “leggera” «nostalgia»[9]  per il paese e per gli amici.

In quello stesso torno di tempo, dopo il rientro in Italia, Pedretti unisce alla carriera di insegnante anche l’attività di traduttore. Se, come abbiamo detto, l’approccio al dialetto è subentrato presumibilmente in età adolescenziale, il passaggio successivo nella formazione poetica di Nino Pedretti, quello della scrittura in dialetto, risale al periodo immediatamente dopo il ’68; un passaggio cruciale in cui egli si fa portavoce degli emarginati e dei “diseredati”, di coloro che, non avendo un ruolo “attivo” nelle vicende della storia di quegli anni, rischiavano di restarne fuori: «Per parlare a loro nome bisognava parlare come loro: in dialetto. E così Nino cominciò a scrivere in dialetto» (Baldini)[10].

Ma, prima ancora che poeta dialettale, Nino Pedretti è valente studioso di questioni linguistiche: «già nel 1967 aveva frequentato un corso di fonologia a Edimburgo; nel 1972 ebbe l’incarico del coordinamento della Commissione docente nei corsi abilitanti per l’area linguistica; nel 1975 l’Università di Urbino gli affidò l’insegnamento di Glottodidattica nella Scuola di perfezionamento»[11].

A seguito dell’indagine linguistica e fonologica, durata diversi mesi, condotta col romanista Friedrich Schürr, Pedretti nota ancor più chiaramente, insieme alle molteplici potenzialità poetiche offerte dal dialetto, anche i limiti in cui esso era costretto. Si trattava cioè di far uscire il santarcangiolese dalle secche dell’«oralità», «per portare, trascinandolo alla legittimità della scrittura, il dialetto nel futuro»: una «scommessa» sulla quale punta anche l’amico Raffaello Baldini.

L’occasione per parlare delle «voci della poesia del dopoguerra» è fornita dal Seminario popolare su Tonino Guerra e la poesia dialettale romagnola[12], tenutosi a Santarcangelo nel giugno del 1973 (l’anno prima era stato pubblicato I bu, di Guerra), in cui il nostro, sotto l’impulso di Tonino Guerra, accetta l’incarico di organizzare l’evento in collaborazione con Rina Macrelli.

Il tema sul dialetto resterà per Pedretti un discorso aperto che egli riprenderà a più riprese, fino al suo ultimo libro.

Il passaggio dalla fase di studio del dialetto alla produzione poetica vernacolare è breve.

Poeta «per necessità» (Bo), Nino si propone al pubblico nel 1975 con Al vòusi, perspicuo già nel titolo (‘le voci’), con il quale sembra dare volto alle voci registrate su nastro magnetico nel corso dell’indagine fono-linguistica. I temi trattati per parlare dei purétt sono espressi utilizzando la «lingua brutale» del sotto-proletariato e del proletariato, in una sorta di esperimento linguistico come testimonianza della loro condizione di sofferenza, fisica e morale. Tra rabbia, dolore, disperazione ma, anche, ironia, nella «nota allegra» del gusto di vivere, nella trivialità del sesso a buon mercato, un popolo di sconosciuti – giocatori, prostitute, infermieri, vecchi, matti, barbieri e lavandaie, per non citarne che alcuni – emerge come dal nulla reclamando diritto di identità. L’attenzione al dialetto copre, scopre e scorre dovunque creando qua e là specchi di vera poesia, come in Se la lèngua la mòr (Se la lingua muore).

In quei primi anni Settanta nasce «quella cosa» (Baldini) che andrà sotto il nome di «poesia neodialettale». La poesia in dialetto, ritenuta fino ad allora «ancillare o eccentrica», comunque minoritaria rispetto alla poesia in lingua, acquista dunque dignità di «lingua-poesia» (Pasolini), avviandosi dai piani «bassi ai piani alti» (Sereni). Se in Al vòusi, la poesia in dialetto di Pedretti «ha trovato da sé l’allineamento alle forme elette e alle esperienze della poesia in lingua […] è da notare come in tutta la poesia di Pedretti lo scarto tra originale e versione non è poi così forte, non tale almeno da ottundere l’incisività dell’impianto e la sicurezza di fondo»[13].

Per certi aspetti, Te fugh de mi paèis svolge un ruolo paritetico ad Al vòusi, cambiandone però la prospettiva, nel senso, come in altro modo precisa Pedretti, che le immagini non sono rivolte ‘verso’ il mondo ma esse provengono ‘dal’ mondo, nate da un’aria perduta e germogliate «nell’io profondo dove risuonava una meraviglia nutrita di dialetto». Così, mentre i versi di Al vòusi ricordavano la miseria del pane e recavano un’ansia di riscatto, in Te fugh de mi paèis lo sguardo si fa interiore, come ricerca della bellezza scomparsa, soffermandosi su tutto ciò che è in pericolo di scomparire, piante e animali inclusi:

Ecco, gli animali, mi sembra siano i più esposti, così come i deboli e gli emarginati, alla violenza e al male di vivere. Ogni giorno scompare una specie di volatile, di mammifero, di pesce. Pensare agli animali s’accomuna al sentimento di precarietà in cui da sempre, ma soprattutto oggi, viviamo.

La chèsa de temp (La casa del tempo), rappresenta l’ultima fatica di Pedretti, uscito alle stampe qualche mese dopo la sua morte «grazie alla fraterna cura di Raffaello Baldini» (Ricci). E, come il protagonista del monologo, Il racconto perduto, anche Nino sembra voler dire: «Così come Ulisse posso lanciare le mie pietre contro l’immenso gigante del tempo senza che nessuno se ne avveda». [14]

L’universo letterario di Nino, lo abbiamo visto, si compone di voci, di storie reali e fantastiche al tempo stesso, di paesaggi, oggetti quotidiani, di luce e di silenzi. Anzi, la luce predomina fino a farsi ossimoricamente «luce nira» (Linfoma).

La sua attenzione verso il mondo rimane costante (E’ mònd l’è una palìna ch’la s’incrépa) ed egli si fa partecipe della natura come in questi ultimi versi di Al nóvvli (Le nuvole): «nóvvli a n’e’ savéi che dréinta / a purté quèll di mi nónn / che adès l’è dvént / un udòur d’un pórt, / chissà, d’una furèsta». («nuvole non lo sapete che dentro / portate il mio fiato / e forse quello dei miei nonni / che adesso è diventato / un odore di porto, / chissà, d’una foresta»); la realtà si confonde con l’immaginazione e la fantasia torna a farsi sogno come in questi versi de La pasegièda (La passeggiata), che riporto in lingua: «e lì dove un tempo / chissà mai quali signori / portavano dentro le carrozze / tra siepi di rose, lì / vado guardando perché un cortile / mi faccia vedere attorno ad una statua / una fontana che sogna / d’avere dei capelli: o dei cavalli / davanti un portone verde / fuori dal tempo, come in una pittura»; gli oggetti raccontano storie di vita in un gioco di luci (come in I vasétt) e di ombre (come in E’ pióv, Piove: «Piove, di fuori il mondo / è pieno di bianco / di un’aria di cenere dolce / come di gigli. / La mia vecchia casa / si è fasciata di ombre: / i miei morti sono lì / che stanno seduti»).

Verrebbe da chiedersi, cos’è che fa  soffermare l’attenzione del poeta su ciò che sta al limite tra interno ed esterno, al margine della realtà, ai bordi di un mondo? Una risposta potrebbe essere trovata nella ricerca che Pedretti ha condotto da sempre contro il gioco delle apparenze laddove, ad esempio, se un tetto di canne può significare l’inizio e consentire alla fantasia di andare oltre, al tempo stesso quella linea rappresenta punto ad limina di uno spazio privato dove allo sguardo soltanto è consentito addentrarsi per coglierne, per un attimo, il nucleo “intimo” attraverso la mediazione della parola (La pórta). Allo stesso modo, se da una parte troviamo le varietà legate a uno o più elementi eterei o solari del giorno e del sogno, dall’altra, un microcosmo di oggetti ci porta più vicino la gente e il vasto popolo di compaesani, di parenti e amici che hanno fatta propria la memoria di quegli oggetti, di un intero universo ineluttabilmente destinato a perdersi: «Dietro questa poesia c’è un tempo immemorabile che non ha mai avuto voce e qui sta la prima ragione del poeta Pedretti, immettere nel coro della poesia illustre un materiale di vita che stava per venire cancellato per sempre» (Bo).

In Dmanda (Domanda) leggiamo: «Duv’è ch’a s masarà / al poeséi ch’a n so bón ‘d scréiv / ch’a gli zarchédi tént / ch’l’è quèlli ch’a m pis ad piò / ch’a n li pòs lèz / gnénca se desideri?», («Dove si nasconderanno / le poesie che non sono capace di scrivere, / che ho cercato tanto, / che sono quelle che amo di più, / che non posso leggere / neanche col desiderio?».

Alla Dmanda si potrebbe rispondere che forse si sono nascoste in tutte le poesie da lui effettivamente scritte, visibili solo a chi sa guardare oltre le parole; che sono racchiuse nella conchiglia (La cunchéa), nelle piante strane di una stazione (La staziòun), nella bottiglina piena di aria verde (La bucìna), tra le ruotine dei bottoni nella scatola dei ditali (Tla scatla di didèl).

In La chèsa de temp il tempo è l’artefice, l’arciere pronto a scoccare l’ultimo dardo-attimo di silenzio, subissando ogni voce, totalizzante e privativo, uguale a sé soltanto quando entra dappertutto, come nella splendida E’ silénzi (Il silenzio).

Mi scriveva Nino nell’agosto del 1980: «La poesia si fa con tutto il corpo e non solo coi sentimenti. Voglio dire che il corpo e tutto quello che lo muove diventa poroso, filtra, lascia passare odori di cose. Gli occhi, le mani, il ventre, l’arcata del petto sono investiti da questo vento che ci scuote, che ci fa partorire i sogni».

Giuseppina Di Leo


[1] Il presente studio sull’opera del poeta dialettale Nino Pedretti riprende in parte un mio precedente lavoro già pubblicato su: «Incroci. Semestrale di Letteratura e altre scritture, diretta da Raffaele Nigro e Lino Angiuli, n. 20, Mario Adda Editore, luglio-dicembre 2009», 149-153; “Voci dal Novecento”, a cura di Ivan Pozzoni, vol. III, Limina Mentis Editore 2012.

[2] G. MIRO GORI, E’ circal de giudéizi; Santarcangelo di Romagna nell’esperienza culturale del secondo dopoguerra. Catalogo della mostra: cinema e televisione, Santarcangelo di Romagna, 16 dic. 2000 – 7 genn. 2001, Clueb, Bologna 2000, 13.

[3] R. BALDINI, La nàiva. Versi in dialetto romagnolo. Introduzione di Dante Isella, Einaudi, Torino, 1982, V.

[4] Tra gli inediti conservati nell’Archivio Lina Pedretti Conti, Oggi ho alzato le mie bandiere, autografo, una poesia di cui, tra le carte del poeta, si conserva anche una successiva redazione, «una poesia in seguito ripresa col titolo In risposta all’accusa circa una mia pretesa povertà. Chi sono, non pubblicata. Sorta di autoritratto poetico di Pedretti: «Io sono ricco / perché porto con me / le acque verdi dell’Isar / e gli archi dei suoi grandi ponti. / Nessuno può dire che sono povero / perché ho visto splendere / gli alberi di melo vicino alla tua casa / che tu non conosci. / Io sono forte / perché ho alzato le mie bandiere / e fatto festa, oggi, un giovedì, / un giorno qualunque della settimana. / Io sono ricco / perché ho fiducia nella vita / e posseggo tante case d’amici veri. /Io sono ricco / perché sono me stesso / sono Nino Pedretti», in M. RICCI, E’ circal de giudéizi; Santarcangelo di Romagna nell’esperienza culturale del secondo dopoguerra. Catalogo della mostra: letteratura, Introduzione di Renzo Cremante, Santarcangelo di Romagna, 16 dic. 2000 – 7 genn. 2001, Clueb, Bologna 2000, 61-62.

[5] N. PEDRETTI, Le pepite d’oro. Poesie 1946-1947, a cura di M. Ricci, Raffaelli Editore, Rimini 2003.

[6] R. BALDINI, Due tre cose su Nino e il dialetto, in N. Pedretti, Al vòusi e altre poesie in dialetto romagnolo, a cura di Manuela Ricci; Nota di Dante Isella; Con uno scritto di Raffaello Baldini, Einaudi, Torino 2007.

[7] Fin da giovane, Pedretti aveva coltivato l’interesse per la musica e la danza. La tesi di laurea conseguita nel 1953 a Urbino, relatore Piero Rebora, verteva intorno alla poesia e musica nera d’America.

[8] N. PEDRETTI, Gli uomini sono strade, introduzione di G. Bàrberi Squarotti, Forum/Quinta Generazione, Forlì 1977.

[9] L’esperienza lavorativa in Germania durerà alcuni anni a partire dal 1954, «tornerà nel ’57, e comincerà a lavorare in Italia insegnando inglese in vari istituti medi e dell’avviamento», in M. RICCI, E’ circal de giudéizi; Santarcangelo di Romagna nell’esperienza culturale del secondo dopoguerra. Catalogo della mostra: letteratura, cit., 30-31-32.

[10] Ivi, 223-227.

[11] Ivi, XV.

[12] Cfr. Lingua Dialetto Poesia. Atti del Seminario popolare su Tonino Guerra e la poesia dialettale romagnola, Santarcangelo di Romagna, 16-17 giugno 1973, prefazione di T. De Mauro, Edizioni del Girasole, Ravenna, 1976.

[13] V. SERENI, Come canta quel Nino, in «L’Europeo», 7 dicembre 1981, p. 123)

[14] Postume le pubblicazioni degli scritti in prosa: Teatro minimo. Scritto da Nino Pedretti per bambini dai quattro ai dodici-tredici anni, Centro Stampa del Comune, Pesaro [1982]; Nella favola siamo tutti. Fantastorie, a cura di R. Roversi, disegni di R. Vespignani, Maggioli, Rimini 1989; L’astronomo, introduzione di Franco Brevini, nota biografica di G. Fucci, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1992; Monologhi e racconti, con una nota di Manuela Ricci ed Ennio Grassi, Raffaelli Editore, Rimini 2011; Grammatiche. Monologhi e racconti inediti, , a cura di Tiziana Mattioli, trascrizioni di Elena Nicolini, Raffaelli Editore, Rimini 2012.

Nota.

Una versione più ampia di questo saggio è stata pubblicata sul sito di POLISCRITTURE. Clicca qui

Altre poesie di Nino Pedretti verranno pubblicate in un prossimo post.

pedretti

Annunci

5 commenti

Archiviato in Uncategorized

5 risposte a “Nino Pedretti, Poesie. Con un saggio di Giuseppina Di Leo.

  1. emilia banfi

    Mi sono commossa , tanto , davanti a queste poesie. Descrizioni piene di vita e il reale si mescola con il sentimento rendendo forte e tenera ogni parola,ogni momento. La fisicità e la sensualità mi arriva così diretta, a me che amo tanto il dialetto e che penso sia la parte della poesia più ricca di corpo e di erotismo. Era il tempo nel nostro tempo, direi che questo scrivere puro, reale, resterà emblema della sua e della nostra terra. Grazie e complimenti per la scelta.

  2. Rita Simonitto

    Ho molto apprezzato queste poesie di N. Pedretti per la loro capacità di mettere il lettore in contatto con una stagione che è al contempo stagione di Storia e di Memoria.
    Storia e Memoria che scrivo in maiuscolo come a rifiutare il fatto che esse oggi non esistono più se non come sterili simulacri.
    Non conoscendo il dialetto, ovviamente, le ho lette nella traduzione in italiano e le ho trovate splendide: altrettanto splendide le avrei trovate se avessi potuto ascoltarle recitate.
    Credo che la musicalità, legata non solo all’oralità ma anche alla capacità di mimica espressiva nel parlante sia ciò che dà ricchezza, alla poesia in dialetto.
    Il commento di Giuseppina Di Leo integra e sostiene, da una angolazione che non avevo mai considerata, l’importanza della letteratura in lingua dialettale.
    Da un lato quando sostiene che *se per i molti altri della sua generazione il dialetto era, come si dice, la lingua materna, per Nino direi che era la lingua fraterna*, e dall’altro, quando fa una carrellata delle varie tipologie dialettali * la nostra poesia dialettale non possa offrire nulla di paragonabile all’aerea luminosità della poesia veneta dei Marin e dei Giotti. […] Né abbiamo l’arguzia facile ed aspra dei romani, lo stemperamento musicale dei partenopei, né la corale epicità dei siculi. E tuttavia abbiamo una poesia che nelle sue diverse voci porta ad un qualcosa di vagamente comune che è forse il senso ilare e appassionato della vita, il gusto satirico, la violenza verbale, lo sberleffo e la burla insieme all’amore viscerale per la madre terra coi suoi tenerumi, le malinconie e la coda romantica. C’è una linea irsuta, violenta, anarcoide che è quella di Guerrini e di Talanti. […] E poi c’è la linea spallicciana coi suoi turgori villerecci e le sue lievezze pascoliane, un misto di rugosità e di femmineo candore*.
    Se, dunque, questa linea ‘fraterna’ accantona l’idea che il dialetto – inteso come lingua materna – goda di una ideale via regia nell’accedere ai moti profondi dell’animo, nello stesso tempo ne esalta la ricchezza espressiva sul versante della comunicazione che diventa diretta, immediata e non *levigata* e, soprattutto, poliespressiva.
    Nell’ambito della poesia, perché è di questa che qui si tratta, il dialetto potrebbe essere percepito come un linguaggio al pari degli altri (non ancellare, quindi), e di pari efficacia se, e solo se, riesce a cogliere quegli elementi importanti del vivere e, attraverso i codici poetici adeguati, trasferirli in poesia partecipata.
    R.S.

  3. Si può dire quel che si vuole del dialetto ma è certo che i poeti dialettali hanno sempre da dire, non hanno vuoti di memoria ne’ si sentono smarriti o svuotati nei contenuti. Piaciute molto queste poesie di Pedretti.

  4. Giorgio Linguaglossa

    dinanzi alla linea mediana della poesia in Italiano si snoda la linea mediana della poesia in dialetto: io non ci vedo antagonismo, né belligeranza, né ostilità… si tratta invece di due Aree separate ma contigue, di due universi eccentrici ma stabili in stabile COABITAZIONE FORZATA; che poi questa coabitazione forzata sia una questione tutta politica, mi pare difficile da contestare… che la poesia in dialetto sia mediametne superiore a quella in Lingua, ciò non significa che sia ragguagliabile alla più alta poesia europea: si tratta di una QUESTIONE TUTTA ITALIANA, legata alla difficoltosa ricezione e assimilazione della Lingua Nazionale da parte di tutte le comunità; si tratta di una questione di resistenza alla adozione della Lingua dell’età adulta.
    Che poi la lingua dialettale sia “matria”, “patria” o “fraterna” mi sembra questione da filologi più che da critici letterari: a me in qualità di critico non interessa se uno ha imparato l’italiano alle elementari, in famiglia o lo abbia studiato da autodidatta con una grammatica comprata su una bancarella, ma che si faccia una poesia di alto profilo estetico. Questo sì, è dirimente.

  5. Giuseppina Di Leo

    Esprimo innanzitutto un sincero «Grazie» a Ennio Abate per aver postato questo mio contributo a Nino Pedretti e ringrazio anche tutti i vostri commenti.
    In merito all’osservazione di Linguaglossa sulla difficoltà ad esprimere in lingua concetti invece istantaneamente efficaci con il dialetto, lo stesso Pedretti manifesta le medesime riserve e sottolinea l’importanza dell’argomento nei suoi scritti. Non è casuale infatti l’affermazione che egli fa, quando dice che «Essere poeti in dialetto è altrettanto raro che esserlo in lingua». (si veda il post su “Poliscritture”)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...